Tappa 31 luglio – GIURDIGNANO Piazza Municipio

Tappa 31 luglio – GIURDIGNANO Piazza Municipio

Errarte One comment

“La Scatola di Latta” promuove azioni di culturismo e sviluppo locale attraverso passeggiate ed
eventi culturali nel Salento
Programma della tappa:
– Alla ricerca di Jordanus tra mattre, fumuli e pietre
– Letture megaliche tra percorso naturalistici e borghi antichi
– Escursione tra i vicoli di Giurdignano con visita alla Cripta di San Salvatore, presentazione del libro “Alle Spoglie del Tempio” di Ada Cancelli, a seguire una passeggiata lungo il Percorso Megalitico e
visita al suggestivo Frantoio Ipogeo.
Nel corso della serata interverranno
– Prof. Roberto Muci
– Prof. Alberto Signore (Pres. Ass. Amici dei Menhir)
– Renati Grilli (Attore e Poeta)
– Dott.ssa Valentina Protopapa (Torri Aragnesi)
– Pina Petracca (scrittrice)
Per favore, condivi e clicca su "Mi piace"

errARTE – Parte da Specchia l’itinerario d’arte

Errarte No Comments

Venerdì 28 Luglio 2017 ha finalmente avuto inizio l’attesissimo evento di errARTE con la prima di una serie di tappe itineranti alla scoperta delle radici e tradizioni del territorio salentino.

Come da programma, l’Arch. Sara Giangreco, direttore artistico della manifestazione, ha presentato il progetto quale mezzo di promozione e diffusione di arte e design. In particolare ha raccontato come, ispirata da un bellissimo libro del poeta salentino Matteo Greco “Voglio fare il Meridione”, abbia scelto per questa prima edizione di focalizzarsi sulla vocazione del territorio salentino che da sempre ispira grandi artisti e “contamina” le loro opere. Ha così presentato le associazioni artistiche e di promozione sociale che stanno supportando il progetto, in particolare

  • La Scatola di Latta
  • Linea a Lab
  • Ass. Archès e Pro loco Torre Vado
  • Ass. Abitare i Paduli
  • Ass. Sherazade
  • Pro loco Specchia

E’ stato inevitabile per i presenti essere invasi dall’entusiasmo che anima il progetto, da quella “restanza” come ha detto il Prof. Alberto Signore (presidente dell’associazione Amici dei Menhir), quella voglia di far crescere un territorio in cui tanti giovani e meno giovani salentini credono fermamente.

Lo stesso progetto errARTE diventa un chiaro esempio di come la buona volontà si traduce in un evento dalla potente carica positiva ed emozionale, che tiene unite le persone e le arricchisce di esperienza e conoscenza.

 

 

Una presentazione inaspettata del Prof. Signore sulle neviere, e il prezioso intervento del Prof. Antonio Penna (autore del romanzo “Lucrezia Amendolara fondatrice di Specchia”) hanno fatto cogliere ai presenti la bellezza di un borgo, qual è Specchia, che nel corso dei secoli si è sempre distinta anche per la sua particolare posizione strategica che, a circa 130 m sopra al livello del mare, la rende una vera e propria “vedetta” tra i due mari, Adriatico e Ionio.

 

 

Successivamente, alle 21:00 circa, ha avuto inizio la passeggiata “errante” con la visita del Palazzo Risolo e del suo terrazzo, ormai patrimonio cittadino. Barbara, volontaria della Pro Loco di Specchia, ha presentato le principali caratteristiche del palazzo ed ha guidato il nutrito gruppo di partecipanti all’interno del frantoio Scupola. Qui, si è fatto un balzo all’indietro di qualche secolo, entrando in uno dei più grandi e articolati frantoi ipogei del Salento. Suggestionati dall’odore della pietra umida, dalle luci soffuse, e dal racconto della guida, si è potuto immaginare il brulichìo di uomini che fino almeno al secolo scorso lavoravano per mesi nel frantoio, avanti e indietro tra le macine e le cisterne scavate nella roccia calcarea. Oggi giungono a noi i solchi creati dal passaggio continuo degli asini che muovevano le grandi macine, gli incastri per i torchi, i segni delle lucerne rimasti impressi sulla roccia, un ampio atrio ricavato dall’apertura di un varco dall’interno del frantoio verso una cisterna che raccoglieva l’acqua piovana della paese. Il tutto è stato arricchito dall’intervento del Prof. Giovanni Giangreco (curatore scientifico del progetto) che, con la sua proverbiale capacità di ricollegarsi ai termini dialettali dei paesi salentini, ha spiegato l’etimologia dei principali termini tecnici riguardanti il frantoio.

 

 

Uscendo dal frantoio ipogeo, la visita è continuata verso tre bellissime botteghe di antichi mestieri:

  • Antonio Pappadà: stagnino di antica tradizione
  • Adolfo Cazzato: laboratorio artigianale di fiscoli dal 1890 (nei fiscoli si poneva al pasta delle olive, ottenuta dalla macinazione, e venivano posti sotto il torchio per la spremitura)
  • Agostino Branca: bottega artigianale di ceramica tradizionale

 

 

Tutti i partecipanti si sono letteralmente stretti attorno a questi veri maestri: alcuni si sono anche cimentati nella realizzazione di un fiscolo, mentre altri hanno potuto sperimentare l’utilizzo di alcuni antichi strumenti realizzati in terracotta.

 

 

Effettivamente poche volte ci si ferma ad osservare e ammirare la manualità e l’amore con cui i nostri artigiani conservano la tradizione tramandandola di padre in figlio: un vero e proprio patrimonio per la gente locale, mantenuto nel tempo con tanti sacrifici e senza le dovute tutele.

errARTE continua con la tappa del 31 Luglio a Giurdignano.

Per favore, condivi e clicca su "Mi piace"

errARTE, la vocazione del territorio salentino

Errarte No Comments

Per favore, condivi e clicca su "Mi piace"

Dalla nostra pagina Facebook...

LIKE
LOVE
HAHA
WOW
SAD
ANGRY
10 months ago
Foto dal post di Errarte - Itinerari d'arte

bellissime le foto di Mauro Marinosci della mostra errARTE 207

LIKE
LOVE
HAHA
WOW
SAD
ANGRY

Categorie